Disprosio

Main Content

Disprosio

Il disprosio è un elemento che nella tavola periodica si trova nel gruppo dei lantanoidi, altrimenti detti terre rare. Si dava il nome di terre rare perché si pensava che fossero poco disponibili. In realtà, le terre rare sono abbastanza diffuse sulla superficie terrestre, anche se giacimenti commercialmente sfruttabili sono localizzati in non molti posti, come ad esempio la Russia, la Cina e l'Australia. Il disprosio è due volte più abbondante dello stagno. Se ne ricavano all'incirca 100 tonnellate all'anno, lavorando minerali come la monazite. Ha un aspetto argenteo, metallico e lucente, è relativamente stabile all'aria a temperatura ambiente ma può essere lentamente ossidato dall'ossigeno. Si scioglie rapidamente in soluzioni diluite di acidi minerali, liberando idrogeno, forma sali vivacemente colorati, che sono tipicamente degli idrati, come il nitrato di disprosio pentaidrato, Dy(NO3)3•5H2O in cui il metallo si trova nello stato di ossidazione +3. È tenero a sufficienza da poter essere tagliato con un coltello e può essere lavorato senza emissione di scintille. È stato scoperto nel 1886 dal chimico P.E. Lecoq De Boisbaudran (nella foto compare il gallo dalla traduzione del cognome dello scopritore) che lo ha purificato da un elemento abbastanza simile ad esso e agli altri lantanidi, l'ittrio. Tra gli usi del metallo vale la pena di ricordare il suo impiego nella realizzazione dei dosimetri per il controllo della radioattività, ma anche nell'ottica (fonte di radiazioni infrarosse), nella preparazione di materiali per l'impiego dei laser e anche nella preparazione di barre di regolazione per i reattori nucleari.

HOME