Formazione insegnanti


Tutte le attività di formazione ed aggiornamento per gli insegnanti che rientrano nei progetti PLS-matematica rilasceranno alla loro conclusione un certificato di partecipazione ad personam, ai fini di un riconoscimento, ove previsto, in tema di formazione obbligatoria di cui alla legge n. 107/2015.



Prossimi incontri


Venerdì 20 maggio ore 16.00 -17.30

Un viaggio attraverso la curvatura

Conferenza di  Franco Cardin

Modalità duale: in presenza in aula 1AD100 Torre Archimede, oppure in diretta via piattaforma Zoom questo link

Abstract:

Si ripercorrerà la genesi e l’evoluzione della nozione di curvatura nel suo intreccio geometrico e fisico matematico. Il racconto evolverà da Huygens, passando per Gauss e giungendo alla radicale definitiva proposta di Riemann. La rivoluzione geometrica operata da Ricci Curbastro coinvolgerà questa storia, fino a Levi-Civita e alla geometrizzazione della gravitazione operata da Einstein. Sarà fruttuoso individuare come reali problemi fisici inducano nuova matematica e di converso come nuovi ambienti matematici possano ispirare alternative descrizioni fisiche.

Pubblico:

studenti anche dei primi anni delle superiori, docenti e amanti della Matematica.

Relatore:

Franco Cardin, professore ordinario di Fisica Matematica fino al 30 settembre 2021, si è occupato di problemi di meccanica coinvolgenti tecniche di geometria differenziale. Al suo attivo ottanta pubblicazioni, tra cui alcuni volumi di ricerca e di didattica. Ha insegnato Meccanica Razionale, Fisica Matematica, Modelli Fisico-Matematici, Topologia, Calcolo (Scuola Galileiana), Geometria Differenziale (Scuola Galileiana), Chimica e Matematica, Meccanica Superiore, Symplectic Mechanics, Sviluppi del Pensiero Matematico. È socio effettivo dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.


Martedì 10 maggio ore 15.30 -17.00

Popolazioni, prede e predatori: i modelli matematici in ecologia

Conferenza di  Paolo Rossi

 

Modalità: 

Webinar Youtube: registrazione disponibile a questo link.

Abstract:

L’ecologia e la biologia, così come l’epidemiologia, offrono esempi di sistemi naturali la cui modellizzazione matematica è accessibile anche a giovani studenti degli ultimi anni della scuola superiore. Con metodi relativamente elementari si possono non solo spiegare le idee di base che concorrono alla formulazione dei modelli, ma anche analizzare le previsioni che il modello produce. Nonostante la matematica necessaria sia piuttosto semplice, l’evoluzione descritta è sorprendentemente ricca e, con l’aiuto del computer, se ne possono esplorare gli aspetti più affascinanti. Ad esempio i più semplici modelli predatore-preda (molto simili ai modelli epidemiologici) offrono una prima finestra sulla teoria dei sistemi dinamici, del caos e dei frattali. Aggiungendo all’evoluzione temporale anche una dipendenza spaziale, i modelli di reazione- diffusione descrivono processi di natura chimica, fisica, biologica, geologica e altro. La visualizzazione delle soluzioni mostra una matematica in grado di catturare caratteristiche di fenomeni complessi ed inaspettati: la riproduzione di colonie di batteri, la percolazione dei liquidi, la formazione di macchie o strisce sul manto degli animali e molto altro.

Pubblico:

Docenti e studenti dell’ultimo anno di scuola superiore.

Relatore:

Paolo Rossi è professore associato in geometria all’università di Padova dal 2018. Ha ottenuto il dottorato alla SISSA di Trieste e svolto postdoc presso l’università Pierre et Marie Curie e l’Ecole Polytechnique di Parigi e le università di Berkeley e di Zurigo. È stato per diversi anni professore associato all’università della Borgogna prima del rientro in Italia.

Locandina: Rossi.pdf



Venerdì 8 aprile ore 16.00 -17.30

Modelli matematici presenti nella biblioteca del Dipartimento di Matematica di Padova

Conferenza di  Remke Kloosterman

Modalità duale: in presenza in aula 1AD100 Torre Archimede, oppure in diretta via piattaforma Zoom .

Abstract:

La Biblioteca del Dipartimento di Matematica possiede oltre cento modelli di vari oggetti matematici. Negli ultimi anni, sono stati tutti restaurati. Inoltre, tutti gli oggetti sono stati fotografati e resi pubblici in una mostra virtuale con ampie descrizioni dei singoli modelli. In questo seminario il professor Kloosterman ripercorrerà brevemente la storia della produzione di modelli, del loro uso, in passato, nell’insegnamento e presenterà in maniera sintetica la matematica relativa ad alcuni di essi, accennando ai motivi per cui certi oggetti matematici più di altri si prestano alla realizzazione di modelli. Nell’ultima parte della conferenza verranno discussi i principali problemi riscontrati durante il restauro.

Relatore:

Remke Kloosterman è professore di Geometria all’Università di Padova dal 2016. Precedentemente è stato professore a tempo determinato alla Humboldt Universität di Berlino e postdoc alla Leibniz Universität di Hannover.

Locandina: Kloosterman.pdf


Venerdì 18 marzo ore 16.30 -18.00

Le medie

Conferenza di  Silviano Monastero

Modalità duale: in presenza in aula 1BC45 Torre Archimede, oppure in diretta via piattaforma Zoom a questo link.

Abstract:

Tutti conosciamo e usiamo la media aritmetica. Molti conoscono la media geometrica. In questo incontro si parlerà anche della media armonica e della media quadratica, in particolare dimostrando le disuguaglianze che le riguardano sia dal punto di vista algebrico che geometrico.

Pubblico:

Studenti anche dei primi anni delle superiori, docenti e amanti della Matematica.

Relatore:

Silvano Monastero, laureato in matematica, insegna nelle scuole secondarie di secondo grado, è consigliere di Mathesis Venezia, ma soprattutto è un grande appassionato di giochi matematici, cruciverba e puzzle di tutti i tipi.

Locandina: conferenza_Monastero


Venerdì 25 febbraio ore 16.00 -17.30

Alla ricerca dei numeri primi

Conferenza di  Alessando Languasco

Modalità duale: in presenza in aula 1AD100 Torre Archimede, oppure in diretta via piattaforma Zoom.

Abstract:

Vedremo e commenteremo il documentario RaiScuola intitolato “Caccia ai numeri primi”, in gran parte realizzato durante il convegno tenutosi a Verbania nel 2009 in occasione delle celebrazioni per il 150-enario dell’Ipotesi di Riemann. Sono presenti interventi di Bombieri, Sarnak, Cheeger, Granville e dì altri ricercatori dì fama internazionale. Si trattano argomenti relativi all’ipotesi dì Riemann e alle sue applicazioni e più in generale al ruolo della matematica nella società e nella storia.

Pubblico:

Studenti, docenti e amanti della Matematica.

Relatore:

Alessandro Languasco, docente universitario dal 1998 presso l’ateneo patavino, si occupa da oltre trent’anni di ricerca in teoria analitica e computazionale dei numeri e delle loro applicazioni. Autore di oltre sessanta pubblicazioni scientifiche e di quattro monografie, dal 2003 insegna il corso dì crittografia, da lui proposto e creato, presso i corsi di laurea magistrale di Matematica, Informatica, Ingegneria informatica, Ingegneria delle telecomunicazioni ed il master internazionale Algant dell’ateneo di Padova.

Locandina: conferenzaLanguasco.pdf


Venerdì 11 febbraio ore 15.30 -17.30

Incompletezza e indecidibilità in matematica e informatica

Conferenza di  Antonino Salibra

Modalità duale: in presenza in aula 1AD100 Torre Archimede, oppure in diretta su piattaforma Zoom. Slides disponibili a questo link e registrazione video disponibile a questo link.

Abstract:

Nel 1931 il logico austriaco Kurt Gödel pubblicò il suo teorema di incompletezza, uno dei risultati più rilevanti della matematica del ventesimo secolo. Il teorema stabilisce che in ogni sistema formale sufficientemente espressivo esiste una proposizione vera che non può essere dimostrata. Se inoltre il sistema è non contraddittorio, allora la sua propria non contraddittorietà non può essere provata nel sistema stesso. In questo seminario, dopo un breve inquadramento storico della matematica di inizio novecento, presenteremo la dimostrazione più semplice del risultato di Gödel. Analizzeremo anche alcune conseguenze del teorema di Gödel in matematica ed in informatica, tra cui l’indecidibilità del problema della fermata. Alan Turing infatti provò nel 1936 che non esiste un algoritmo generale per risolvere il problema della fermata per tutte le possibili coppie programma-input.

Pubblico:

Studenti e docenti. Sono richieste soltanto conoscenze elementari di matematica.

Relatore:

Antonino Salibra è stato professore ordinario di Informatica presso l’Università Ca’ Foscari Venezia dal 2002 al 2020. Attualmente ha un contratto di ricerca presso l’Institute de Recerche en Informatique Fondamentale, Université de Paris. Ha conseguito la laurea in Matematica presso l’Università di Pisa con una tesi in teoria dei numeri. I suoi principali interessi di ricerca riguardano l’Informatica Teorica, La Logica Matematica e l’Algebra Universale.

Locandina: conferenzaSalibra.pdf


Venerdì 28 gennaio ore 16.30 -18.00

Curve ellittiche e crittografia

Conferenza di  Angela Zottarel

Modalità duale: in presenza in aula 2AB40 Torre Archimede, oppure in diretta via piattaforma Zoom. Registrazione video disponibile a questo link.

Abstract:

Nel 1985 Koblitz e Miller suggerirono l’uso delle curve ellittiche all’interno della crittografia a chiave pubblica. Questa presentazione intende spiegare come i gruppi abeliani costruiti su curve ellittiche possano essere usati per implementare sistemi crittografici estremamente efficienti e con la stessa sicurezza fornita dallo schema RSA .

Pubblico:

Studenti di quarta e quinta superiore e relativi insegnanti.

Relatore:

Angela Zottarel si è laureata in Matematica all’Università di Padova, seguendo il programma ALGANT e ha conseguito il Dottorato in Crittografia all’Università di Aarhus in Danimarca. Durante il periodo di Dottorato ha avuto modo di collaborare con diversi gruppi di ricerca a Boston, Tokyo e Pechino. Dal 2014 è insegnante di Matematica alle scuole superiori.

Locandina: conferenzaZottarel.pdf


Venerdì 3 dicembre  ore 16.30 -18.00

Il gioco delle coppie

Conferenza di  Marco LiCalzi

Modalità duale: in presenza in aula 1AD100 Torre Archimede, oppure in diretta online via piattaforma Zoom (Registrazione video disponibile a questo link).

Abstract:

Il gioco delle coppie è uno dei più antichi del mondo ed è anche uno dei più difficili da giocare, perché nessuno ne conosce esattamente le regole. Dopo una fase di addestramento durante l’adolescenza, i giocatori vi si impegnano per molti anni con grande investimento emotivo. Il gioco può riuscire difficile, incomprensibile e finanche crudele. I giocatori possono lasciare il gioco senza sapere se hanno vinto o no. Il caso o la necessità possono rimetterli in gioco contro la loro volontà.
Un osservatore matematico, sensibile alle strutture e alle relazioni, può riconoscere quali sono le sue caratteristiche ricorrenti e formalizzarle in un modello. Proviamo a decifrare il gioco delle coppie con gli occhiali di un matematico.

Pubblico:

Studenti, docenti e persone curiose. Non sono richieste conoscenze matematiche preliminari né precedenti esperienze di corteggiamento.

Relatore:

Marco LiCalzi è professore ordinario di Metodi Matematici per l’Economia presso l’Università Ca’ Foscari Venezia dal 1994. Ha conseguito la laurea in Economia Politica presso l’Università Bocconi di Milano nel 1987 e in seguito un dottorato in Decision Science presso la Stanford University nel 1993. I suoi principali interessi di ricerca riguardano la teoria dei giochi.

Locandina: conferenzaLiCalzi.pdf


Venerdì 12 novembre ore 16.30 -18.00

Dalla cifra delle caselle (1577) al cifrario di Vernam (1917) – Aritmetica modulare e numeri casuali in crittografia

Conferenza di   Paolo Bonavoglia

Modalità duale: in presenza in aula 2AB40 Torre Archimede, oppure in diretta online via piattaforma Zoom. Registrazione video disponibile a questo link.

Abstract:

La cifra delle caselle è il più originale cifrario usato dalla Repubblica di Venezia, un unicum; se a prima vista colpisce l’uso della sovracifratura, assolutamente inusuale per la crittografia rinascimentale, altrettanto originali sono l’uso di operazioni aritmetiche, sottrazione e addizione modulo 20, e quello di una chiave molto lunga (624 numeri tra 0 e 19) e completamente disordinata, che in qualche misura sembrano precorrere il cifrario di Vernam basato su un’addizione/sottrazione modulo 2 e su una chiave casuale che deve essere infinita nel senso di non riutilizzabile,“usa e butta”.

Pubblico:

Docenti e studenti del triennio. Qualche minima nozione di crittografia è auspicabile.

Relatore:

Paolo Bonavoglia ha insegnato Matematica e Informatica nelle scuole superiori dal 1978 al 2017. I suoi interessi principali sono l’Analisi Non Standard (NSA) e la crittogra- fia. Quello per la crittografia risale al nonno materno Luigi Sacco, fondatore dell’ufficio cifra dell’Esercito italiano nella Grande guerra, e autore di un affermato Manuale di Crit- tografia. Ha curato l’ultima edizione, 2014, del Manuale, ha scritto diversi articoli sulla NSA e sulla crittografia classica, e ha partecipato come relatore ad alcune conferenze di crittografia storica del ciclo HistoCrypt (orcid.org/0000-0002-9110-3894). Attualmente è impegnato in una ricerca sulla crittografia veneziana all’Archivio di Stato di Venezia, sulla quale sta preparando un libro. Cura dal 1996 il sito web La Crittografia da Atbash a RSA (http://www.crittologia.eu).

Locandina: conferenza_Bonavoglia.pdf


Il 12 e 13 novembre 2021 si terrà a Venezia, presso l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti (palazzo Fanchetti), il convegno:

Il punto di vista aritmetico

Cinque relatori di rilievo internazionale svilupperanno una riflessione sul concetto di numero, illustrando come l’aritmetica, che è la branca più antica della matematica, mantenga un posto centrale nella matematica contemporanea, con forti legami con l’algebra astratta, la logica e la geometria.

Il convegno è rivolto in particolare ad insegnanti delle scuole superiori. Il programma prevede anche una tavola rotonda di discussione sui laboratori di matematica svolti nelle scuole.

Programma dettagliato sul sito  http://events.math.unipd.it/ivsla21/

Sono disponibili ancora un numero limitato di posti. Per iscriversi seguire questo link.

 


Anche quest’anno riprende il ciclo di conferenze dedicate ad insegnanti, appassionati di matematica e studenti delle scuole superiori, organizzate dal Dipartimento di Matematica dell’Università di Padova, Patavina Mathesis e la sezione Mathesis di Venezia.

Venerdì 15 ottobre ore 16.30 -17.30  e Venerdì 22 ottobre 16.30-17.30

Plimpton 322.

Conferenze di Luigi Salce

Modalità duale: in presenza in aula 2AB40 Torre Archimede, oppure in diretta online via piattaforma Zoom. Registrazione video disponibile a questo link.

Abstract:

Nella prima conferenza verrà presentata la storia di una tavoletta di argilla scritta in caratteri cuneiformi con contenuto matematico, proveniente dalla bassa Mesopotamia e risalente ai tempi di Hammurabi. Rinvenuta a inizio del 1900 a Larsa da Edgar Banks (che insieme a Giovanni Battista Belzoni ha ispirato la figura di Indiana Jones), la tavoletta prende il nome dal collezionista George Plimpton che la acquistò negli anni ’20 del secolo scorso. Solo parecchi anni dopo Otto Neugebauer, illustre storico della matematica del Novecento, ne comprese il grande valore.

Nella seconda conferenza verranno illustrate in modo accessibile le principali interpretazioni della tavoletta date dagli studiosi nel corso di oltre settant’anni, a partire da Otto Neugebauer nel 1945 con le terne pitagoriche, fino a Eleanor Robson nel 2001 con la teoria “igi-igibi” e al lavoro del 2017 dei due ricercatori australiani Mansfield e Wildberger, secondo i quali Plimpton 322 anticiperebbe di 1600 anni la “tavola delle corde” di Ipparco di Nicea.

Pubblico:

Studenti e docenti di Matematica ed appassionati dell’antico mondo meso- potamico. Il livello di preparazione matematica richiesta è quello di uno studente delle prime classi dei licei e degli istituti tecnici. Non si richiede invece alcuna conoscenza del Vicino Oriente antico se non quella usualmente fornita dalla scuola superiore.

Relatore:

Luigi Salce è Professore Emerito di Algebra dell’Università di Padova. È autore di oltre cento pubblicazioni in diversi settori dell’algebra, di due libri di didattica universitaria in teoria delle matrici, di una monografia scientifica sui gruppi abeliani e coautore di due monografie sulla teoria dei moduli. Ha tenuto conferenze in molti paesi d’Europa, negli Stati Uniti, in Cina e in Australia.

Locandina:  plimpton322.pdf