Formazione insegnanti

Proposte 2017-2018


Lo scopo del corso è riscoprire l’Astronomia come contesto all’interno del quale proporre tematiche di Fisica nella scuola secondaria di secondo grado. Ci si focalizzerà in particolare sulla fisica moderna, con la proposta di un percorso sulle proprietà della radiazione elettromagnetica e la loro applicazione allo studio delle stelle. Durante il corso verranno proposte attività laboratoriali facilmente riproponibili anche in classe, con l’uso di materiali a basso costo e con il supporto di tecnologie digitali. Inoltre si sperimenteranno metodologie di didattica attiva e di apprendimento cooperativo per favorire il confronto tra pari e la creazione di comunità di pratica.

Il corso è organizzato dal Gruppo di ricerca in Didattica della Fisica e dell’Astronomia dell’Università di Padova, in collaborazione con i docenti e i ricercatori del Dipartimento di Fisica e Astronomia. 

Per ragioni logistiche è stabilito un numero massimo di 20 partecipanti.

 

Calendario

27 ottobre 2017, 15.00-18.30, Spettri atomici, prof.ssa Ornella Pantano

17 novembre 2017, 15.00-18.30 Classificazione spettrale delle stelle, prof. Stefano Ciroi

1-2 dicembre 2017, dalle 17.00 del 1/12 alle 14.00 del 2/12 con pernottamento, Osservazione al telescopio di Asiago, dr Alessandro Siviero, prof.ssa Ornella Pantano, prof. Stefano Ciroi

Maggiori dettagli sia sui contenuti del corso sia sugli aspetti logistici (sedi del corso e indirizzi) si possono trovare nei seguenti documenti, scaricabili in pdf:

Locandina Fisica alle stelle 2017

Programma Fisica alle stelle 2017

 

Iscrizioni

Ci si può iscrivere al corso fino ad esaurimento posti tramite la piattaforma SOFIA (Iniziativa formativa ID.6958).

Per informazioni è possibile contattare la prof.ssa Ornella Pantano, referente del PLS-Fisica per la sede di Padova, all’indirizzo email ornella.pantano@unipd.it o al numero 0498274170.

 

“For the rest of my life, I will reflect on what light is.” – A. Einstein

 


Proposte 2016/17

Non si deve buttare ciò che si rompe: le “crepe” di una teoria non ne rappresentano la fine, ma aprono ad una comprensione ulteriore e più profonda, proprio come ci insegna il kintsugi, l’arte di evidenziare le crepe riparandole con l’oro. Anche con gli studenti, far emergere le parti più critiche permette loro di raggiungere una comprensione maggiore.

 

Il Dipartimento di Fisica e Astronomia “G. Galilei”, all’interno delle azioni del PLS-Fisica, propone degli incontri di approfondimento sulle tematiche che potranno essere oggetto della seconda prova dell’esame di Stato dei Licei scientifici. La trattazione degli argomenti indicati nel quadro di riferimento per la seconda prova di Fisica sarà condotta curando due particolari aspetti: le esperienze laboratoriali e il problem solving. In tal modo si cercherà di promuovere la riflessione condivisa sui concetti chiave e le criticità cognitive dell’elettromagnetismo, della relatività e della fisica quantistica, fornendo risorse e materiali didattici di sostegno all’attività didattica.

Ciascun incontro sarà così strutturato:

  • revisione dei concetti chiave;
  • discussione delle criticità cognitive;
  • visione e discussione di esperimenti;
  • utilizzo di applet e simulazioni;
  • soluzione di problemi.

La metodologia utilizzata alternerà momenti di presentazione frontale, lavoro in piccoli gruppi e revisione delle attività con il gruppo allargato.

 

CALENDARIO

18 gennaio 2017, 15:00 – 18:30, Induzione elettromagnetica, prof. Franco Simonetto

25 gennaio 2017, 15:00 – 18:30, Equazioni di Maxwell e Onde Elettromagnetiche, prof. Franco Simonetto

15 febbraio 2017, 15:00 – 18:30, Relatività, prof. Giuseppe Tormen

1 marzo 2017, 15:00 – 18:30, Fisica quantistica, prof. Pieralberto Marchetti

Gli incontri si terranno presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova, nell’Aula Rostagni (ingresso da Via Paolotti).

 

ISCRIZIONI

Per iscriversi occorre compilare la scheda on-line al seguente link: https://goo.gl/forms/jMIUaPkBLKg33bhK2.

Per informazioni, è possibile contattare la prof.ssa Ornella Pantano, referente del PLS Fisica per la sede di Padova, all’indirizzo e-mail ornella.pantano@unipd.it o al numero 049 8277140.

La versione stampabile in pdf si può trovare qui: PLS 2016-17 Formazione insegnanti Fisica.

 

Cento volte al giorno, ogni giorno, io ricordo a me stesso che la mia vita, interiore ed esteriore, dipende dal lavoro di altri uomini, viventi o morti, e che io devo sforzarmi per dare nella stessa misura in cui ho ricevuto e continuo a ricevere.

A. Einstein, Il mondo come io lo vedo (The World as I See It, 1934), prefazione di E. Vinassa de Regny, traduzione di W. Mauro, in Il significato della relatività. Il mondo come io lo vedo, Newton Compton Editori, Roma, 2015, p. 163.

 


Corsi di Alta Formazione

Con l’approvazione della Legge 107/2015, all’art. 1 comma 121, si riafferma l’importanza della formazione continua degli insegnanti per favorire processi di aggiornamento e qualificazione professionale.

L’Università di Padova risponde a tale esigenza con l’offerta di corsi di alta formazione, consultabili al seguente link http://www.unipd.it/corsi-alta-formazione.

L’intento è quello di quello di favorire il dialogo e la condivisione tra i docenti coinvolti nei percorsi, nonché tra Scuola e Università.

In particolare il Dipartimento di Fisica e Astronomia propone due corsi (scadenza preiscrizioni 23 settembre 2016):

  • L’insegnamento della fisica nel primo biennio della scuola secondaria di II grado: argomenti, metodologie didattiche e raccordi trasversali con le altre discipline (NON ATTIVATO)
  • L’insegnamento della fisica moderna nella scuola secondaria di II grado: nodi concettuali e proposte didattiche (INIZIATO, iscrizioni terminate)

 


Proposte degli anni precedenti

Fisica moderna a Scuola

Il progetto “Fisica Moderna a Scuola” è sviluppato nell’ambito del Piano Lauree Scientifiche (PLS) e in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto. Viste le nuove Indicazioni Nazionali per i Licei che prevedono la trattazione di argomenti di Fisica moderna nei corsi di Fisica del quinto anno, si propongono ai docenti di Matematica e Fisica degli incontri di aggiornamento che includono un approfondimento disciplinare di argomenti di Fisica moderna e dei possibili percorsi didattici sui temi trattati. Nell’anno scolastico 2015-16 i percorsi tematici hanno coperto argomenti di Relatività e Fisica nucleare/subnucleare.

 Il corso è organizzato a moduli: per ogni percorso tematico sono previsti 3 moduli di 4 ore ciascuno. Il primo modulo è di carattere espositivo sui contenuti disciplinari. Il secondo modulo è di analisi e riflessione dei documenti (libri, riviste articoli altro) messi a disposizione e sul un loro possibile utilizzo in classe. Il terzo modulo, a carattere più pedagogico/didattico, include riflessioni sulla trasposizione didattica di tali argomenti per arrivare alla progettazione condivisa di un’unità di apprendimento e la sua successiva sperimentazione a scuola. Alla fine del percorso di formazione è previsto un workshop, comune a tutti i percorsi tematici, che ha lo scopo di condividere le esperienze degli interventi in classe e la loro efficacia.


Progettare insieme percorsi scientifici

L’insegnamento/apprendimento della fisica e lo sviluppo delle competenze scientifiche dello studente.

Si prevede lo sviluppo di moduli didattici in collaborazione con i docenti delle scuole seguendo un approccio per competenze, in cui, oltre alla metodologia laboratoriale e all’uso delle tecnologie, viene approfondita la valutazione degli apprendimenti e come questa possa essere usata come un momento formativo per lo studente.

Le unità di apprendimento costruite dal gruppo di formazione saranno sperimentate in classe e tutti i materiali (materiali didattici, schede guida, progetti sviluppati dagli studenti, materiali di valutazione, …) saranno pubblicati in cartaceo e su piattaforma per condividerli con la comunità dei docenti delle scuole.
Per la parte di progettazione per competenze e di valutazione, il gruppo di formazione si avvarrà della collaborazione di docenti di altre aree disciplinari, soprattutto scientifiche, ma senza trascurare i collegamenti con l’ambito umanistico.


Torna al piano di Fisica